La prima fase della realizzazione di un nuovo strumento è la proposta di una progettazione fonica e architettonica dell’organo. Questa scaturisce dallo studio di diversi elementi, ovvero l’acustica dell’ambiente (parte integrante dello strumento) compatibilmente con le esigenze dell’organista e del luogo in cui sarà collocato lo strumento.

Dallo studio di questi elementi si elaborano i registri; non come un semplice elenco di nomi, bensì valutandoli come sonorità in tutti i loro aspetti. Tutto questo è il punto di partenza fondamentale per la progettazione e disposizione tecnica di tutte le parti dello strumento e il dimensionamento delle canne.

Le specifiche e i disegni operativi elaborati vengono affidati ai dipendenti per la realizzazione delle varie parti.

L’organo viene man mano costruito in laboratorio, qui montato e testato in tutti i suoi elementi.

Viene poi smontato ed accuratamente trasportato nella definitiva collocazione. Il montaggio dello strumento sarà seguito con particolare attenzione, a garanzia di una totale affidabilità, nelle regolazioni e nella struttura.

Solo ora comincia la fase di intonazione delle canne. Questa importante e delicatissima parte è condotta con il massimo scrupolo per ottenere la migliore interazione tra acustica dell’ambiente e voce dell’organo, ricercando il colore e la bellezza del suono, regolando gli attacchi, i volumi, gli amalgami tra tutti i registri.

Per questo la scelta della Bottega è quella di intonare sempre ed in ogni caso tutti gli strumenti  nell’ambiente a cui sono dedicati. Lo strumento viene quindi rifinito, accordando con scrupolosa precisione canna dopo canna. 


 
 
 
 .